Finanziato dal fondo politiche migratorie 2015 nell’ambito del progetto “Le indagini familiari: uno strumento a supporto della individuazione di soluzioni durevoli per il futuro dei minori stranieri non accompagnati residenti in Italia, ivi compreso il ritorno volontario assistito”.

Partner

La tutela dei minori stranieri non accompagnati coinvolge numerosi soggetti, con compiti e prospettive diverse. Ci sono coloro che si occupano dell’accoglienza dei minori, della tutela dei loro diritti, coloro che li rappresentano legalmente e coloro che prestano servizi di vario tipo, con lo scopo di favorirne lo sviluppo fisico e psicologico. Ci sono quindi molti soggetti che accompagnano la crescita e le scelte di questo particolare gruppo di migranti. Tutto ciò, senza dimenticare il ruolo fondamentale svolto delle famiglie a casa, e dalle autorità dei paesi di origine o di residenza dei familiari.

 

È fondamentale che fra tutti questi soggetti sia attivo un partenariato efficace, che abbia al centro il benessere del minore.

 

Questo progetto è il frutto della cooperazione tra OIM, Ministero del Lavoro e Politiche Sociali, i comuni, i centri di accoglienza, le rappresentanze diplomatiche in Italia, nonché le autorità e le società civile nei paesi di origine o di residenza delle famiglie dei minori.